Tsundoku Tag, Le Pile di Libri da Leggere

Tsundoku Tag Mi ero ritagliata tutto il tempo necessario per scrivere un post coi fiocchi, un “intero metà pomeriggio” più tutta la sera ad oltranza se fosse servito, ma evidentemente non mi sono resa conto di aver avuto una settimana pesante. Ok, in questo giorni mi sono dovuta svegliare prima del solito e sono andata a dormire sempre più tardi del previsto ma, pensavo di reggere fisicamente meglio e, al …

Sorgente: Tsundoku Tag, Le Pile di Libri da Leggere

cosmesi in casa

 Libertà e conoscenza.

La cosmesi fatta in casa è un modo di liberare la vostra creatività. I vostri prodotti nasceranno in funzione dei vostri desideri, del vostro temperamento, le profumazioni con oli essenziali si adatteranno alla vostra personalità o a quella dei vostri amici con regali personalizzabili ; aiuterete, con delle azioni concrete, il pianeta grazie ad un consumo responsabile che produce meno imballaggi e residui, riciclando i vostri baratoli.

crema

Nelle vostre ricette di cosmesi in casa, tutti gli ingredienti contengono principi attivi. Là dove per ragioni di costo, la quasi totalità dell’industria si avvalga di una grande quantità di acqua nei loro preparati, noi sostituiamo l’acqua con idrolati di fiori, piante o di frutti che diffondono i loro elementi attivi e benefattori. Non parleremo più di estratto di sintesi o di profumo di sintesi tutto è naturale, conoscerete gli ingredienti e la loro provenienza.

E’  importante durante la lavorazione seguire passo passo le istruzioni e di non abbondare mai nelle dosi delle ingredienti. Più le dosi saranno equilibrate e più il vostro prodotto finale sarà riuscito. Non sempre la quantità diventa qualità ! 

Questi preparati non devono essere utilizzati dalle donne incinte, fate un test nella piega interna del gomito con gli oli essenziali, non sono a scopo terapeutico (per questo bisogna consultare il vostro medico).

Buon divertimento !

olio di nigella

 

Olio di nigella

– Nigella : dal latino niger (nero). Comunemente conosciuto come cumino nero, la nigella sativa è una pianta del sud ovest asiatico. Cespuglio di 20-30 centimetri di altezza, ha foglie ramificate e lineari (ma non filiformi). I fiori sono delicati, e di solito di colore bianco e blu pallido, con 5-10 petali. I frutti sono capsule grande e gonfie composte di 3-7 unità follicoli, ciascuna contenente numerosi semi.

nigella

L’olio estratto dai grani è utilizzato dall’antichità per le sue numerose virtù, contro le allergie, aiuta il transito, contro l’asma… E’ anche conosciuto per essere antisettico, antiinfiammatorio, antimicotico, antibiotico naturale ; è un ottima protezione anti-invecchiamento.

nigella-sativ

Ma’ Rosa di Brillante Mendoza

Con Brillante Mendoza siamo immersi nella vita notturna di un quartiere povero di Manilla (prima di Duterte). Il regista, capo fila del cinema filippino indipendente, riesce la sua attraversata cinematografica di un quartiere e di una società corrotta e disperante, attraversata che diventa una immersione totale. Jaclyn José ha avuto il premio come migliore interprete nell’ultimo Festival de Cannes.

 

Come nel suo ultimo film Taklub, Brillante Mendoza si serve della fiction per fare un “documentario” più vero della realtà. Questa volta osserva la galera quotidiana di una famiglia povera nella capitale Manila per fare una radiografia a tutta la società filippina.

All’inizio, la scena dell’arresto si accontenta di un luongo piano sequenza di 5 minuti con la camera a spalla, le immagini sono tremolanti,  sfocate e slavate. Sullo schermo, vediamo i poliziotti in civile aprirsi un passaggio in questa giungla di negozietti e stradine per arrivare finalmente al commissariato marcio del quartiere. La porta non si apre subito, perché il ragazzo, di poco più di 12 anni, che si occupa solo di aprire quella porta, sta navigando su Facebook. E’ la Manila del popolino che ci viene mostrata : delle baracche di fortuna, dei bar-karaoke, dei tuktuk e tricicli, dei piccoli venditori ambulanti. Ognuno al suo posto, la miseria è ovunque.

 

(Tradotto da RFI culture-Siegfried Foster 29.11.2016)